© 2017 Contemporary concept art gallery. 

January 27, 2017

February 2, 2016

January 28, 2016

January 25, 2016

May 10, 2015

September 21, 2013

January 24, 2013

September 6, 2012

Please reload

Recent

ETERNO PRESENTE PRIMORDIALE

April 1, 2006

Artsinergycon la collaborazione del critico e curatore Gianluca Marziani, presenta una collettiva di cinque pittori contemporanei italiani. Una mostra che lascia piena libertà d’espressione agli artisti e che non intende snaturarne l’estro creativo attraverso l’imposizione di un tema. 

 

AngeloBellobono propone un’analisi in chiave esistenzialista della figura umana. Visi dall’imponenza scultorea e duri nell’espressione, oppure diafani e dai contorni evanescenti, lasciano trasparire debolezze, tensioni interiori, angosce e ferite malcelate. Emerge il rapporto conflittuale dell’uomo con il proprio corpo e con i farmaci.

 

Marco Colazzo costruisce dei fondali melmosi e inconsistenti, ereditati dalla stagione informale, per poi stagliarvi contro immagini di bambole, pupazzi, marionette, giocattoli o sculture dalla nitidissima definizione volumetrica; quasi sagome ritagliate al computer e incollate su sfondi estranei. Questa definizione solida e tridimensionale delle immagini pittoriche in Giorgio Lupattelli è accompagnata da una cura maniacale per i particolari. Il suo sguardo si addentra nei meandri della meccanica e dell’anatomia umana, con l’intenzione di renderne visibili gli aspetti nascosti che ne governano il funzionamento. Schemi e convenzioni tipiche delle illustrazioni dei manuali tecnici aiutano l’artista in questo lavoro. 

 

Una pittura altrettanto meticolosa è quella di Franco Giordano, anche se qui la realtà viene sottoposta ad un vero e proprio processo di sintesi, ridotta ad un numero esiguo di gradazioni tonali e di valori cromatici. La superficie pittorica è suddivisa in tante piccole aree riempite con campiture piatte di colore. Il punto di partenza per queste immagini sono delle fotografie, realizzate dallo stesso artista, che riprendono aspetti futili e banali della vita di tutti giorni.

 

Lontanissimi dalla quotidianità sono gli scenari fantasy del duo Matia (Laura Della Gatta e Pino Giampà). Immagini costruite al computer con programmi di elaborazione 3D, stampate su tela e ritoccate con interventi pittorici. Ecco emergere profili di isole dalle forme spesso improbabili, avvolte da una luce accecante e da una perenne foschia. Gianluca Marziani propone insomma il suo ennesimo Nuovo Quadro Contemporaneoitaliano, una pittura che fa proprio il linguaggio di alcune nuove tecnologie, fotografia digitale e computer graphic, e che, parafrasando il titolo della mostra, si conferma eterna, sintomatica del presente. E primordiale. 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Please reload

Archive