© 2017 Contemporary concept art gallery. 

January 27, 2017

February 2, 2016

January 28, 2016

January 25, 2016

May 10, 2015

September 21, 2013

January 24, 2013

September 6, 2012

Please reload

Recent

SPAZI COMUNI | REINVENTARE LA CITTA'

January 27, 2006

La mostra si apre con una conversazione sulla città del quotidiano, condotta dall’architetto Pino Brugellis e dal sociologo Francesco Pezzulli che anticipa i temi fondamentali di un libro di prossima pubblicazione “Spazi comuni. Reinventare la città'" (Bevivino editore). Il libro e' il frutto di una serie di giornate di studio che gli autori, prevalentemente sociologi ed architetti, hanno condiviso nel corso del 2005. 

 

Gli argomenti affrontati da diversi punti di vista sono stati quelli del superamento delle “città del controllo", del ruolo delle migrazioni e del sapere nella costruzione di spazi comuni nelle città, della strada come luogo privilegiato delle relazioni sociali e dei significati urbani. In copertina e' riprodotta un’opera di Paolo Consorti, “Ciao”,2005, presente in questa esposizione bolognese. 

 

Nelle grandi tele di Paolo Consorti si intrecciano racconti fantasiosi che esaltano la libertà individuale in tutte le sue espressioni, anche le più imprevedibili. Il contesto urbano nella visione di Paolo Consorti contraddice la consueta immagine giornalistica della metropoli contemporanea e diviene spazio dell’imprevisto, miscela di pubblico e privato, superamento delle barriere culturali in un mega-rituale collettivo in cui ognuno esprime se stesso senza coordinate prestabilite. 

 

Esistere e' esprimere la propria libertà, il proprio modo di sentirsi al mondo. Tale abbattimento di codici appare come una gioiosa rinascita, una liberazione dagli standard consumistici e culturali del mondo contemporaneo, una ribellione giocosa e molto determinata per riappropriarsi di una libertà integrale. Gesti semplici si caricano di irriverenza e sfidano l’asettico mondo urbano, come baluardo, eroico ed ironico di una singolarità attraverso cui passa il rispetto per l’altro. 

 

La stessa profonda esigenza di libertà e rispetto dell’individuo e' quella che muove la visione etica di “Spazi comuni. Reinventare la città'" che, in un’epoca in cui l’architettura interpreta i luoghi come strategia di marketing e di controllo sugli individui, suggerendo nell’apparenza l’idea di una liberà' preconfezionata, opzioni possibili in cui riconoscersi, uguali ed omogenei a milioni di altre persone, vicine e lontane, sostiene una differente visione teorica che capovolge l’orizzontalità illimitata di questa interpretazione/riduzione dell’esistere. 

 

E' un pensiero che pone al centro della progettazione architettonica e urbanistica la singolarità dei luoghi con tutte le loro energie inespresse, invisibili, tutte le incongruenze e le discontinuità possibili. La strada e gli spazi comuni sono il simbolo per eccellenza di questo modo di interpretare la città contemporanea, luoghi in cui si producono relazioni la cui dinamica, priva di organizzazione ed autoregolata, fornisce un modello “sociale" di convivenza.

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Please reload

Archive