I fatti fondamentali su Alex Katz

L'elenco completo dei fatti interessanti sulla vita di  Alex Katz è più lungo della fedina penale di un gangster russo. Abbiamo setacciato e selezionato i fatti migliori sul figlio di un immigrato russo. Alcuni sono brevi e stravaganti, altri sono centrali nell'arco della sua vita. Insieme, delineano una vita affascinante che abbraccia quasi un secolo; la vita di uno degli artisti viventi più rispettati d'America.

Alcuni vogliono dipingere il mondo di rosso, ma Katz vuole dipingerlo in piano. Il suo lavoro è bidimensionale, semplice, fresco e privo di emozioni. Lui vede il mondo e lo dipinge. Solo la superficie delle cose. Solo l'immediatezza, la semplicità e lo stile.

 

All'epoca, questo approccio alla pittura era "make-or-break". Dopo dieci anni di ricerca del suo stile e dopo aver buttato via più di mille tele, Alex Katz è approdato alla sua identità di realismo quando tutti gli altri chiedevano a gran voce di essere espressionisti astratti, come ad esempio il famoso Pollock, Kooning e Rothko. Infatti, una delle prime cose che sua moglie gli disse fu: "Pensavo che ogni pittore intelligente avrebbe dipinto degli astratti".

 

Il resto, come si dice, è storia. Una volta che Katz si è impegnato con il suo stile e con la amata Ada italiana del Bronx, si è messo su una strada che avrebbe portato ad entrambi una grande notorietà. Ada è il soggetto di oltre 250 dipinti, e Alex una volta ha detto che è come la Dora Maar di Picasso, solo con il collo e le spalle migliori.

Fatti interessanti su Alex Katz

1. Dipinge come un fulmine.

 

Nel corso dei decenni, ha affinato la pratica della pittura più velocemente di quanto pensi. O almeno dipinge più velocemente di quanto la sua mente cosciente possa pensare. Come Keith Haring e molti altri artisti pop, il suo pennello vola a un ritmo frenetico, che permette all'artista di entrare in uno stato di profondo flusso.

Con tutti gli arresti mentali rimossi, i dipinti cominciano ad assumere una vita propria. Finiscono in luoghi diversi da quelli immaginati dall'artista. È indubbiamente uno degli elementi che separano l'arte dalla non-arte.

Si potrebbe anche dire che è la sua forma primaria di liberazione. È così.

 

"Dipingere velocemente significa iniziare da un lato della mente, lasciarsi andare e lasciare che sia l'altro a farlo".

 

 

2. Alex Katz è una creatura dalle abitudini irriducibili.

 

È noto che Katz ha vissuto nello stesso loft di Soho per quasi cinquant'anni. Comprende il significato della parola " gentrification" meglio di qualsiasi inquilino millenario di Williamsburg al di là dell'East River. In un'intervista, ha ricordato i primi anni.

 

"All'inizio è stato emozionante. Soho era una baraccopoli industriale e c'erano sempre incendi. A causa degli incendi si chiamava Hell’s Hundred Acres. Negli anni '60 e '70 non riuscivo a trovare taxi che mi portassero qui o amici che venissero a trovarmi. Non era sicuro".

 

Anche quando rompe una routine, entra semplicemente in un'altra. Ogni anno, dall'inizio di giugno a metà settembre, lui e la sua amata Ada vivono nella loro casa estiva, una casa colonica del XIX secolo nel Maine. Hanno fatto questo viaggio di ritorno nel deserto religiosamente dagli anni ‘60. Spiega quanto la routine sia vitale per il suo processo.

 

Non so cos'altro farei". La mia vita è tutta una questione di abitudini. Lavorare e pensare al lavoro è un'abitudine. Il mio lavoro è a tappe. A un certo punto della mia vita ho provato a dipingere 6 o 8 ore al giorno, ma alla fine di quell'anno ho buttato via tutto".

3. All'inizio della sua vita, era un vero rinnegato blu.

 

Ha vissuto illegalmente a New York per 15 anni, accovacciato in edifici abbandonati senza nemmeno l'acqua calda. Faceva parte di un gruppo di fuggiaschi sociali, che sembrava sempre sul punto di essere cacciato.

Alla fine, ha lasciato la vita da abusivo, ma solo perché faceva parte di un collettivo artistico che ha acquistato una proprietà insieme, il che gli ha concesso molto spazio per pensare e lavorare.

Da giovane, non poteva fregargliene di meno della politica. C'è un aneddoto che dice che ha accettato di "vendere" il suo voto a sua madre per due dollari.

4. Un quadro di Velázquez ha contribuito a ispirare il suo stile.

 

Quando aveva vent'anni, Katz visitò una mostra al Metropolitan Museum e vide un ritratto di un neonato asburgico. L'esperienza si rivelò fondamentale. Ricorda il momento e il suo effetto sulla sua vita:

"Non era niente di così semplice! Qualcosa poteva essere così semplice e così tanto. Solo uno sfondo verde, una bambina, tutto era perfetto. Non c'è una storia. È immediato. Dipingeva direttamente. L'ha visto, l'ha dipinto".

 

 

5. Ha collaborato con molti altri artisti, soprattutto poeti.

 

Negli anni Cinquanta e Sessanta, molti poeti newyorkesi si preoccupavano di scrivere delle esperienze della vita quotidiana. Questo stato di cose era in perfetta sintonia con l'approccio di Katz alla tela. Lui e Ada trascorrevano gran parte del loro tempo a socializzare con i poeti, e naturalmente una grande collaborazione scaturiva dalle relazioni.

 

Con il poeta John Ashbery, collaborando con il figlio Vincent Katz, con Bill Berkson, insieme a Robert Creeley, con Kenneth Koch. Nel 1962, Harper's Bazaar ha incorporato numerosi ritagli di legno di Katz per una diffusione di moda estiva di quattro pagine.

 

 

6.  I suoi progetti si incrociano spesso con il mondo della moda.

 

Il padre di Katz era tutto stile e si è stilizzato come un playboy russo. Senza dubbio questo stile sartoriale si estendeva ad Alex, il cui senso della moda è spesso discusso proprio dietro la sua arte. Infatti, possedeva sette diversi zoot suit.

 

Ha anche creato opere d'arte per la rivista W e per le vetrine di Madison Avenue. Supermodelle come Christy Turlington e Kate Moss sono stati soggetti di ritratti. L'uomo ha anche fatto da modello per J. Crew e ha contribuito a sviluppare una linea di abbigliamento presso H & M.

7. Alex Katz non è un fan dei dipinti impressionisti.

 

Le chiama "bugie felici".

 

8. È un maniaco dell'ordine meticoloso.

 

Il ritratto stereotipato dell'artista è quello di vedere uno pieno di  schizzi di pittura ovunque - sulla tela, certo, ma anche sul pavimento, sui vestiti e su tutte le mani dell'artista. Con Katz non è così.

Non solo indossa i guanti mentre dipinge, ma chi visita i suoi studi spesso nota che la pittura non rimane da nessuna parte se non sulla tela. Tutto viene pulito a fondo. "Non mi piace il disordine", dice Katz. "Non mi piace la pittura sui vestiti, né sulle mani, né sui mobili".

 

9. È un grande appassionato di fitness.

 

Non importa dove si trovi, Katz completa una routine di fitness ogni mattina. Di solito finisce 300 flessioni, un paio di centinaia di addominali, una corsa di 300 yard e uno sprint di 100 yard prima di colazione. In realtà, ha anche detto che il suo più grande rimpianto è stato quello di aver abbandonato l'atletica leggera durante il liceo.

Nel Maine, quando è nel Maine, fa un salto di qualità nella sua forma fisica, a volte facendo esercizio fisico per quattro ore al giorno. Girando in bicicletta, nuotando e correndo, mantiene il suo corpo in piena forma. Come si dice, ha anche una lingua veloce e gli piace sfidare venti volte lo sprint occasionale.

Naturalmente, ora che ha più di 90 anni, queste routine possono diminuire di intensità. Ma è una scommessa sicura che Katz dipingerà e si eserciterà fino alla fine dei suoi giorni.

10. È un appassionato di storia, soprattutto per quanto riguarda Gengis Khan.

In un'intervista a David Salle, Katz spiega cosa ama della storia militare e di Khan in particolare:

 

"Oh! Tante cose: gli atteggiamenti sociali, la soluzione dei problemi. Gengis Khan è una mente molto pragmatica. È affascinante, le sue soluzioni alle cose. Faceva dire a molte persone cose terribili su di lui, e ha scoperto che i cinesi avevano delle macchine da stampa, così le ha fatte stampare e le ha fatte spedire in anticipo dovunque andasse".

© 2017 Contemporary concept art gallery.